Counseling olistico

 

Chi è il Counselor Olistico?

Il Counselor Olistico, non Psicologo, è una figura professionale regolata dalla legge 4/2013 che prevede una formazione triennale presso una delle Scuole riconosciute da varie associazioni di categoria.

Esplica la sua funzione, secondo la nostra normativa, nell’ambito del benessere e della crescita personale e, in base all’art. 1/L.4 -2013 non può ” svolgere “attivita’ riservate per legge a soggetti iscritti in albi o elenchi ai sensi dell’art. 2229 del codice civile”, altrimenti rischia di essere perseguito per abuso di professione.

Counsel

Il Counselor olistico in sintesi :

  • in situazioni complesse in cui si richiede un cambiamento, aiuta il cliente a fare chiarezza, a superare problemi e a cambiare punti di vista e livelli di osservazione, a ricontestualizzare la percezione di eventi che vive come problematici, sviluppando una consapevolezza essenziale per la crescita personale.
  • per poter aiutare un cliente o un gruppo, ha seguito un percorso formativo di almeno 1500 ore, tra aula ed extra-aula, in cui hanno spazio, in particolare per il Counseling accreditato SIAF, Abilità comunicative e relazionali, Tecniche specifiche dell’orientamento Professionalizzante, Sviluppo personale, Discipline ausiliarie e Laboratori di pratica.
  • condivide il paradigma “olistico” nel senso prima trattato ( v. Psicologia olistica), quindi si muove in una visione della persona che ha bisogni e gradi di libertà più o meno ampi/o limitati nell’ambito fisico, emotivo, mentale e spirituale.
  • è efficace solo quando ha sviluppato come helper la presenza empatica che si basa sulla consapevolezza di sé e dell’altro ed è in grado di percepire il cliente con uno sguardo che sente immediatamente se quello è in una bolla yang o yin per stabilire come modulare l’andamento relazionale e gli aspetti da aiutare a decantare.
  • ha ben chiara l’intenzione nella relazione di aiuto
  • ha imparato a stare con quello che trova è consapevole dell’azione inevitabile del transfert e del controtransfert che si crea nell’incontro di consulenza e ha competenza nel gestirlo e indirizzarlo nel progetto di crescita che dev’essere elaborato dal cliente. Questo gli permette di fare le domande essenziali e di lasciarsi guidare dalla pulizia interiore che gli impedisce di dare consigli o di proporre al cliente la propria visione
  • nel caso specifico le Discipline Olistiche in cui viene formato coprono un vasto raggio di tecniche elaborate da culture orientali e occidentali
  • ha sviluppato una coscienza globale che è assimilazione della vision, ovvero della filosofia spirituale su cui sono basate pratiche millenarie e recenti che utilizza nel Counseling : lo yoga, il breathwork, il body-mind work, la terapia regressiva, i massaggi, la cranio-sacrale, l’enneagramma, le Costellazioni Spirituali, la guarigione delle linee genealogiche, la meditazione, la dermoriflessologia,  le tecniche sciamanche…

Conoscere, tra le altre cose, gli elementi essenziali della Psicopatologia per un Counselor è un must professionale per più di una ragione:

  • essere in grado di riconoscere la differenza tra una psicosi e un’emergenza spirituale
  • valutare quando il livello di aiuto necessario a quel cliente richiede la collaborazione con uno Psicoerapeuta o uno Psichiatra giusto per lui
  • decidere quando è opportuno una delega a questi professionisti o ad altro personale medico come intervento prioritario per una questione impegnativa che si può nascondere dietro una richiesta di Counseling come crescita personale.

Dove siamo

dovesiamo

Contatti

info@ondesincroniche.it

0187 670602

393 1890588

Newsletter

Leggi l'informativa